homeIaikidoIbuki wazaIiaidoIdove siamoIinsegnanteImaestroIstageIalbumIe-mail

 

La pratica dell'Aikido

 

tori M° C. Tissier 8° dan shihan - uke F. Di Marino 5° dan

 

L'Aikido si pratica su una materassina, il tatami, indossando il keíkogi, la classica divisa di cotone bianco usata per il judo, ma sono accettate anche le divise da karate e da kung fu, purché bianchi. Ad eccezione dei bambini, per i quali solitamente si tengono apposite lezioni, i corsi sono aperti a tutti indipendentemente dal sesso o dall'età poiché l'Aikido si prefigge di essere una disciplina praticabile da chiunque.  Ai principianti vengono in primo luogo insegnate le tecniche di caduta (in avanti e all'indietro), gli spostamenti e le tecniche di base. Le lezioni iniziano in ginocchio, seduti sui talloni, con una breve concentrazione e con il rituale saluto a un'immagine del Fondatore dell'Aikido e all'insegnante, e continuano con esercizi di respirazione profonda e di concentrazione (kokyu-so-ren, controllo dell'energia totale attraverso il metodo della respirazione). Preparati così mentalmente e spiritualmente, si eseguono velocemente alcuni esercizi di riscaldamento, di allungamento muscolare e le cadute. L'apprendimento avviene principalmente per imitazione.  

Come nella realtà non esiste una sola possibilità di attacco, nell'Aikido (a differenza per esempio dal judo) non esistono prese prestabilire al keikogi dei praticanti poiché l'allenamento mira ad abituare mente e corpo a neutralizzare diversi tipi di aggressione (una presa al polso o alla giacca, un pugno allo stomaco, un colpo alla testa, un tentativo di immobilizzazione da tergo ecc.).   Un assistente simula quindi  un attacco all’insegnante che di volta in volta, mostra le possibili risposte difensive. 

Gli allievi poi, in coppia, si scambiano a turno i ruoli di aggressore e difensore per consentire di sperimentare e di "sentire" la tecnica tanto da parte di chi la esegue, quanto da parte di chi la subisce. Ogni tecnica viene ripetutamente eseguita da ciascun praticante sia con la parte destra dei corpo sia con la sinistra effettuando un'entrata nello spazio morto dell'attacco o aggirandolo sul fianco.  

Oltre a quelle a mani nude si studiano anche, in funzione propedeutica, tecniche con il jo (bastone di legno lungo 126 centimetri) e con il bokken, una copia in legno della classica spada giapponese usata per l'addestramento nelle antiche scuole di scherma.  Nel rispetto della tradizione marziale giapponese, la pratica dell'Aikido contempla anche l'esecuzione in ginocchio delle stesse tecniche apprese in piedi contro un ipotetico aggressore, anch'egli in ginocchio o in posizione eretta.

Non essendo previsti pugni, calci o "spazzate" eseguite con le gambe, l'Aikido è sicuramente l'arte marziale che conta la più bassa percentuale di infortuni, in rapporto al numero dei suoi praticanti e delle tante ore di allenamento. Nell'Aikido non esistono cinture di diverso colore per distinguere i livelli di capacità raggiunti; la progressione nell'apprendimento e il grado di abilità conseguiti vengono ufficialmente riconosciuti previo il superamento delle relative prove d'esame stabilite dal programma didattico dell'Aikikai. Solo le cinture nere sono autorizzate ad indossare l'hakama (gli ampi pantaloni dei costume tradizionale giapponese).  

Proponendosi in primo luogo come via di educazione morale e di mutuo rispetto, a differenza di altre arti marziali che hanno accentuato l'aspetto dell'agonismo sportivo finalizzato alla vittoria, l'Aikido rifiuta di divenire uno sport competitivo e rigetta tutte le forme di competitività o gare, poiché il desiderio di primeggiare finisce per alimentare l'egocentrismo e l'egotismo. 

Per questo motivo nell'allenamento dell'Aikido non c'è un avversario da sconfiggere, non ci sono un vincitore e un perdente, ma solo due persone che, con modestia e spirito di collaborazione, a turno si scambiano i ruoli entrambi parimenti importanti nell'infinito processo dell'apprendimento.

 
   

 

   

2009 milanoaikidoclub - tutti diritti riservati